VAHT®- Vibroacoustic Harp Therapy

logo1.TIF

La Vibroacoustic Harp Therapy® (VAHT®), creata nel 1900 dalla psicologa americana Sarajane Williams, ispirandosi ai lavori scientifici nordeuropei di Olav Skille, è spesso descritta come un massaggio musicale. Agisce vibrando e risuonando con i tessuti del corpo, influenzando così i processi fisiologici.

WhatsApp Image 2022-08-01 at 12.03.45 (1).jpeg

Che cos'è la VAHT®?

L'erogazione di musica acustica amplificata per arpa attraverso un dispositivo vibrotattile (trasduttori) fornisce un effetto potente, diretto e immediato. L'ampia gamma di frequenze (dai 30 Hz ai 1200 Hz circa) e di armonici prodotti da un'arpa risuona non solo con il corpo fisico del paziente, ma anche con le sue dimensioni mentali, emotive, energetiche e spirituali. Il paziente sperimenta una stimolazione e un'armonizzazione a più livelli, attivando così il sistema nervoso parasimpatico e sincronizzando i diversi sistemi oscillatori del corpo. Questo avviene attraverso il tempo e lo stile della musica, nonché attraverso le qualità vibratorie risonanti dello strumento.

Le sessioni vibroacustica con l’arpa sono disponibili a Bologna presso l’Associazione culturale Arpeggi con operatore certificato VAHT® con il lettino e/o la poltrona oppure possono essere erogate in qualsiasi luogo chiuso con il lettino vibrotattile.

Come funziona?

Durante una sessione VAHT, la musica dell'arpa dal vivo viene amplificata attraverso un lettino sonoro, una poltrona o un dispositivo vibrotattile; ai clienti viene chiesto di concentrarsi sulle aree di tensione/dolore del corpo, mentre vengono identificati le frequenze specifiche che risuonano in quelle aree. Ogni cliente sperimenta i suoni in modi diversi e in momenti diversi; pertanto la sessione è un processo molto dinamico e viene adattata all'individuo. La musica viene improvvisata o selezionata in base alle esigenze del cliente. Quando il cliente è rilassato, il pensiero astratto rallenta e la consapevolezza si espande. La VAHT spesso produce risposte come un rilassamento profondo, immagini oniriche, riduzione del dolore e della tensione, aumento dell'energia, maggiore consapevolezza del corpo e sensazione di essere nutriti. L'immaginazione spesso fornisce una nuova consapevolezza, un reframing positivo e/o l'elaborazione e l'integrazione di materiale psicologico.

WhatsApp Image 2022-08-01 at 12.03.45 (2).jpeg
20220430_202318.jpg

Quali sono gli effetti?

      La risposta di un cliente alla VAHT può includere:

1. Coerenza (risonanza e sincronizzazione tra i diversi sistemi fisiologici del corpo)

2. Assorbimento di energia

3. Stimolazione/bilanciamento dell'energia

4. Stimolazione linfatica

5. Riduzione del dolore e dello stress (grazie a cambiamenti quasi endocrini; interruzione della trasmissione degli impulsi lungo le vie del dolore; aumento dell'attività delle onde cerebrali alfa basse; rilassamento muscolare; diminuzione della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria).

6. Cambiamenti percettivi (es. sinestesia)

7. Miglioramento dell'umore

      La VAHT è un approccio non farmacologico al trattamento del dolore, dello stress e dell'ansia e non ha praticamente effetti collaterali. Il livello di ricettività del cliente può influenzare l'esito della seduta, come avviene per la maggior parte degli interventi. Durante le sessioni abituali di 30-60 minuti, i clienti in genere notano una riduzione significativa dei sintomi entro i primi 20 minuti della sessione.

Bibliografia

Campbell, Elsa, Efficacy of music therapy and vibroacoustic therapy for pain relief, June 2016, Nordic Journal of Music Therapy 25(sup1):14-15

Jiří Kantor , Elsa A Campbell, Lucia Kantorová, Jana Marečková, Vojtěch Regec,Kristýna Karasová,Dagmar Sedláčková , Miloslav Klugar, Exploring vibroacoustic therapy in adults experiencing pain: a scoping review, BMJ Open 12(4):e046591

Mariani Daniele Maria, Dott. Supplizi Marco, Dott. Irace Giuseppe, Dott. Barassi Giovanni, Role of Vibration and Sound in Physiotherapy, Journal of Advanced Health Care, (ISSN 2612-1344) - 2020 - 2

Reid, J. & Reid, A. (2017). Rediscovering the art and science of sound therapy. The Harp Therapy Journal, 22(1), 9-11, 14, 16.
Williams, S. (2008). An interview with John Stuart Reid. The Harp Therapy Journal, 13(3), 6-7, 9-11, 17.
Aragon, D., Farris, C., & Byers, J. (2002). The effects of harp music in vascular and thoracic surgical patients. Alternative Therapies, 8(5), 52-60.
Briggs, T. (2003). Live harp music reduces anxiety of patients hospitalized with cancer. The Harp Therapy Journal, 8(4),1, 4, 15.
Briggs, T. (2014). Impact of healing touch with healing harp on inpatient acute care pain. The Harp Therapy Journal, 19(3), 6-7.
Emerson, H. (2010). Therapeutic Music Research - The beginning of a dialogue between art and science. The Harp Therapy Journal, 15(4), 1, 5, 13.
Murphy, E.M., Nichols, J., Somkuto, S., Sobel, M., Schinfeld, J., Galante, G., Barmat, B. (2011). Randomized trial of harp therapy in in vitro fertilization - embryo transfer study completed. The Harp Therapy Journal, 16(4), 1, 10.
Obermeyer, J. (2016). Report of Therapeutic Harp Foundation research projects. The Harp Therapy Journal, 21(3), 1, 5, 14, 20.
Williams, S. (2006). Harp beat affects heartbeat. The Harp Therapy Journal, 11(1), 1,12.
Standley, J. (1992). Meta-analysis of research in music and medical treatment. Effect size as a basis for comparison across multiple dependent and independent variables. In R. Spintge & R. Droh (eds.)  MusicMedicine. St. Louis, MO: MMB Music, Inc.
Staneslow, S. (2006). Live music lulls newborns and slows heart rates. The Harp Therapy Journal. Macungie, PA. 11(1), 14-16.
Troxel, M. (2015). Harp sounds and heart rates: Use of therapeutic music and holistic intervention to improve intermediate nursery outcomes. The Harp Therapy Journal, 20(4), 1, 18.
Williams, S., (2019). Effect of specific music on psychoneuroimmunological responses - Exciting new research by Abdul Waheed, David Kossor, William Collins and Amy Camie, The Harp Therapy Journal, 24(2), 1, 5.
Boyd-Brewer, C., & McCaffrey, R. (2004). Vibroacoustic sound therapy improves pain management and more. Holistic Nursing Practice, 18(3), 111-118.
Butler, C., Butler, P. (1997). Physioacoutic therapy with cardiac surgery patients. In Wigram T., and Dileo, C. eds. Music Vibration and Health. Cherry Hill, NJ: Jeffrey Books. 197-204.
Patrick, G. (1999). The effects of vibroacoustic music on symptom reduction: inducing the relaxation response through good vibration. IEEE Engineer Med Biol., (March/April), 97-100.
Williams, S. (1997). Interview with Olav Skille – VibroAcoustic Therapy. The Harp Therapy Journal, 2(1), 8-10, 14.
Dallas-Feeney, S. (2004). Pilot study demonstrates positive effects of vibroacoustic harp therapy on heart rate variability. The Harp Therapy Journal, 9(1), 1,4,6-7,9.
Milroy, M. (2013). Human biofield measurements before and after VAHT. The Harp Therapy Journal, 18(4), 10-14.
Williams, S. (2005). Good Vibrations: Principles of vibroacoustic harp therapy. Macungie, PA: Silva Vocat Music.
Williams, S. (2013). Vibroacoustic Harp Therapy in Pain Management: Soothes body, mind, and soul. Practical Pain Management, 13(2), 56-59.
Ellis, P., Vibroacoustic sound therapy: Case studies with children with profound and multiple learning difficulties and the elderly in long-term residential care, February 2004, Studies in Health Technology and Informatics 103:36-42

Zden ˇek Vilímek, Jiˇrí Kantor, Jakub Krejˇcí, Zbyn ˇek Janeˇcka, Zuzana Jedliˇcková, Anna Nekardová, Michal Botek, Monika Bucharová and Elsa A. Campbell, Effect of low frequency sound on heart rate variability and subjective perception RCT Pilot 2022, June 2022, Healthcare 10(6):1024